Le Migliori Certificazioni sul Networking su cui investire

Le Migliori Certificazioni sul Networking su cui investire

Nel mercato del lavoro di oggi, professionisti IT che siano esperti in varie aree del Networking sono sempre molto richiesti. Coloro che sono seriamente interessati alle loro carriere dovrebbero considerare di ottenere una o più di queste certificazioni per distinguersi dalla concorrenza.

Per quanto riguarda la cura e l’alimentazione delle reti moderne, c’è un vasto elenco di strumenti e tecnologie che i professionisti IT qualificati dovrebbero saper padroneggiare, specialmente quelli che aspirano a lavorare come amministratori di rete.

Oltre ai server e ai client che costituiscono gli endpoint in tali ambienti, c’è anche molta infrastruttura di rete di cui ci si deve preoccupare, tra cui switch e router (sia fisici che virtuali), oltre a una serie di appliance e servizi, come UTM (Unified Threat Management), firewall di prossima generazione (NGF), ottimizzazione WAN, filtri e-mail e spam dei contenuti.

Possedere la completa padronanza di tutte queste opzioni e specialità di certificazione può essere una sfida, ma sapere da dove cominciare può aiutare. Abbiamo esaminato cinque certificazioni di rete che consideriamo leader nel settore del networking per il 2018.

Per scegliere le nostre certificazioni leader, abbiamo esaminato lo stato delle richieste di lavoro su diversi portali sia in Italia che in Europa.

Quindi cominciamo la nostra esposizione.

 

CCIE: Cisco Certified Internetwork Expert

In breve:
Certificazione: Cisco Certified Internetwork Expert (CCIE)
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessun prerequisito necessario. Cisco consiglia otto anni di esperienza lavorativa nel settore.
Numero di esami: Ogni certificazione CCIE richiede di superare sia un esame scritto che uno di laboratorio. I punteggi degli esami scritti sono validi per 18 mesi. Gli esami di laboratorio devono essere tentati entro 18 mesi dalla prova scritta.

I candidati CCIE non possono programmare un esame di laboratorio fino a quando non superano l’esame scritto. I candidati devono ripetere l’esame scritto se non superano l’esame di laboratorio entro tre anni.

Tutti gli esami scritti sono composti da 90 a 110 domande, 120 minuti di tempo per completarlo.

CCIE Collaboration:

  • CCIE Collaboration Written Exam: 400-051
  • CCIE Collaboration Lab Exam

CCIE Data Center:

  • CCIE Data Center Written Exam: 400-151
  • CCIE Data Center Lab Exam

CCIE Routing and Switching:

  • CCIE Routing and Switching Written Exam: 400-101
  • CCIE Routing and Switching Lab Exam

CCIE Security:

  • CCIE Security Written Exam: 400-251
  • CCIE Security Lab Exam

CCIE Service Provider:

  • CCIE SP Written Exam: 400-201
  • CCIE SP Lab Exam

CCIE Wireless:

  • CCIE Wireless Written Exam: 400-351
  • CCIE Wireless Lab Exam
Costo per esame:
  • Esame scritto: € 411,00#
  • Esame di laboratorio: € 1.462,00#
Sito web: https://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/expert.html
Materiale didattico: Diverse sono le opzioni di apprendimento CCIE e includono documenti di studio, letture consigliate, esempi di test, opportunità di formazione, comunità online e gruppi di studio, tutti disponibili tramite Cisco Learning Network.

Una certificazione sul networking che possiede un alto valore a livello lavorativo e che è sempre attuale e la Cisco Certified Internetwork Expert (CCIE), che viene erogata con diversi percorsi di studio tra cui scegliere. Il numero di certificazioni CCIE erogate annualmente rimane abbastanza contenuto da far sì che chi riesca a conseguire questa difficile certificazione, possa venire scelto direttamente da Cisco per lavorare in una delle sue sedi.

Sebbene la strada per ottenere la CCIE sia lunga e difficile, ne vale veramente la pena, tempo e denaro. Questa è una certificazione che sicuramente vi aprirà le porte di molte opportunità di lavoro e soprattutto di alti salari.

 

CCNP: Cisco Certified Network Professional

In breve:
Certificazione: Certificazioni Cisco Certified Network Professional (CCNP):

  • CCNP: Cloud
  • CCNP: Collaboration
  • CCNP: Data Center
  • CCNP: Routing and Switching
  • CCNP: Security
  • CCNP: Service Provider
  • CCNP: Wireless
Prerequisiti e corsi obbligatori: È richiesta una certificazione CCNA o CCIE valida.
Numero di esami: La certificazione CCNP primaria (Routing e Switching) richiede il superamento di questi tre esami:

  • 300-101 ROUTE: Implementing Cisco IP Routing (45-65 domande, 120 minuti)
  • 300-115 SWITCH: Implementing Cisco IP Switched Networks (30-40 domande, 120 minuti)
  • 300-135 TSHOOT: Troubleshooting and Maintaining Cisco IP Networks (15-25 domande, 120 minuti)

Altre certificazioni CCNP richiedono il superamento di quattro o cinque esami a seconda del percorso scelto.

Costo per esame:  € 274,00# per esame
Sito web: https://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/professional.html
Materiale didattico: La formazione consigliata è elencata online per ogni percorso di certificazione CCNP. I materiali di autoapprendimento includono libri, flash crds, prove pratiche, laboratori virtuali e fisici.

La Cisco Certified Network Professional (CCNP) punta a preparare i candidati sulle piattaforme e sui prodotti Cisco, che ricordiamo essere leader nella produzione e fornitura di apparecchiature di rete utilizzati dalla maggior parte dei provider di comunicazione e servizi internet, da aziende di tutte le dimensioni, nonché da enti governativi, istituti di ricerca fino ad arrivare al mondo accademico.

Per cui scegliere di acquisire una certificazione Cisco al giorno d’oggi è da considerarsi un’ottima scelta.

La CCNP è la principale certificazione di fascia media e offre un’ampia varietà di specializzazioni:

  • CCNP: Cloud,
  • CCNP: Collaboration,
  • CCNP: Data Center,
  • CCNP: Routing e Switching (il più diffuso),
  • CCNP: Security,
  • CCNP: Service Provider e Wireless.

Il possesso di una della certificazione Cisco Certified Network Associate (CCNA) è un prerequisito obbligatorio per poter ottenere una certificazione CCNP. Con le competenze acquisite con tale certificazione il passo successivo potrebbe essere il conseguimento di una o più certificazioni Cisco Specialist o addirittura il conseguimento di una Cisco Certified Internetwork Expert (CCIE).

 

JNCIE-ENT: Juniper Networks Certified Enterprise Routing and Switching

In breve:
Certificazione: Enterprise Routing and Switching, Expert (JNCIE-ENT)
Prerequisiti e corsi obbligatori: Possesso della certificazione Juniper Networks Certified Professional Enterprise Routing and Switching (JNCIP-ENT)
Numero di esami: Un esame: JPR-943 (esame di laboratorio pratico, durata 8 ore)
Costo per esame: € 1.400,00# circa
Sito web: http://www.juniper.net/us/en/training/certification/certification-tracks/ent-routing-switching-track/#jncieent
Materiale didattico: I materiali per lo studio individuale includono la Documentazione di Junos e la documentazione di Junos per gli switch della serie EX. Il Bootcamp Enterprise JNCIE è un corso opzionale di cinque giorni.

Juniper Networks progetta e vende router, firewall e tutti i tipi di soluzioni di rete destinate agli ambienti dei data center. Il suo noto sistema operativo di rete per routing, switching e sicurezza si chiama Junos OS e occupa un posto di rilievo nei dispositivi e nelle apparecchiature Juniper. In quanto tale, la società è uno dei principali concorrenti di Cisco.

Juniper ha istituito il programma di certificazione Juniper Networks (JNCP) diversi anni fa per garantire la formazione di professionisti in grado di supportare le proprie soluzioni hardware e software.

Il programma di certificazione è incentrato sulla conoscenza di Junos ed è suddiviso in quattro livelli:

  • Associate
  • Specialist
  • Professional
  • Expert

E su quattro percorsi:

  • Data Center
  • Routing e switching dei provider di servizi
  • Routing e Switching aziendali
  • Junos Security.

Abbiamo selezionato la certificazione Enterprise Routing e Switching-Expert (JNCIE-ENT) in quanto è una certificazione di livello superiore e per via del prestigio che gode nel settore e per il fatto che i salari offerti ai suoi possessori sono parecchio invitanti.

Questa credenziale richiede ai candidati di ottenere prima la certificazione Professional e quindi di superare un esame pratico di otto ore. Una volta ottenuto, la certificazione è valida per tre anni.

 

CompTIA Network+

In breve:
Certificazione: CompTIA Network+
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessun prerequisito.
Numero di esami: Un esame: N10-006 (massimo 90 domande, 90 minuti di tempo)
Costo per esame: € 274,00#
Sito web: https://certification.comptia.org/certifications/network
Materiale didattico: Gli obiettivi degli esami e le domande di esempio possono essere scaricati dalla pagina relativa alla certificazione cliccando il link riportato sopra.

Sul CompTIA Marketplace sono disponibili le guide di studio, l’elenco dei corsi di formazione in classe ed in modalità e-learning.

Gli esami di pratica e corsi di autoapprendimento sono disponibili su certification.comptia.org.

Non ci sono molte certificazioni IT entry-level relative al networking in circolazione, e questo probabilmente perché la certificazione Network+ di CompTIA possiamo dire che la fa da padrona per questa particolare nicchia di mercato. Molti esperti IT e di certificazioni ritengono che Network+ sia un importante elemento che dovrebbe essere presente nel portfolio di ogni professionista IT e che dia una spinta in più nei processi di selezione del personale.

Quindi se siete appena agli inizi, questa è la certificazione per voi.

CompTIA Network+ è una certificazione completamente indipendente dal fornitore hardware e un ottimo trampolino di lancio per il conseguimento di tutta una serie di certificazioni più avanzate. Tanto è vero che alcuni programmi di certificazione specifici dei vari vendor la includono addirittura come prerequisito.

 

WCNA: Wireshark Certified Network Analyst

In breve:
Certificazione: Wireshark Certified Network Analyst (WCNA)
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessun prerequisito.
Numero di esami: Un esame: WCNA-102.x Exam (100 domande, 2 ore di tempo)
Costo per esame: € 290,00# circa
Sito web: http://www.wiresharktraining.com/certification.html
Materiale didattico: Formazione online su autoapprendimento, formazione con istruttore, formazione personalizzata e libri di preparazione esami disponibili presso il sito della Wireshark University.

Fondata nel 2007 dai grandi geek della rete Gerald Combs e Laura Chappell, la Wireshark University offre solo una certificazione unica, che vale la pena di prendere in considerazione. La Wireshark Certified Network Analyst (WCNA) riconosce la conoscenza dello sniffing e dell’analisi della rete utilizzando il software Wireshark, nonché le comunicazioni di rete TCP / IP, la risoluzione dei problemi di rete e la sicurezza della rete. Per ottenere queste credenziali, i candidati devono superare un esame a scelta multipla certificato DoD 8570.

La WCNA è valida per tre anni, ma i titolari di certificazione devono ottenere un totale di 20 crediti di formazione professionale continua (CPE) ogni anno per mantenere la propria certificazione in regola. Questi crediti CPE devono concentrarsi su attività legate agli obiettivi dell’esame WCNA (sniffing, analisi, ecc.) e non essere direttamente collegati alle mansioni lavorative. Ad esempio, frequentando una conferenza Sharkfest o Black Hat o leggendo la Guida allo studio dell’analisi della rete di Wireshark.

Oltre a gestire il programma WCNA, la Wireshark University offre opzioni di formazione personalizzate, guidate da istruttori e personalizzate per chiunque voglia conoscere Wiresharki. Offrono inoltre un All Access Pass, un abbonamento di un anno a tutti i corsi di formazione della Wireshark University e costa all’incirca € 700,00#.

Linguaggi di Programmazione: La top 10 Tiobe a Febbraio 2018.

Linguaggi di Programmazione: La top 10 Tiobe a Febbraio 2018.

Ed eccoci arrivati al nostro primo appuntamento di questo 2018 con la Top10 Tiobe. Abbiamo aspettato finora nel pubblicare questa nuova classifica per vedere se vi avremmo trovato sostanziali differenze.

Vi proponiamo quindi, il nuovo indice Tiobe relativo ai linguaggi di programmazione che riscuotono maggiore interesse secondo i dati che vengono ricavati da motori di ricerca come Google, Bing o Yahoo! E valutano, inoltre, la disponibilità mondiale di esperti programmatori, corsi a tema e a richiesta.

L’indice completo comprenderebbe richieste relative ai primi 50 linguaggi, ma come sempre ne riportiamo sempre i primi 20 dopodiché ne andremo ad analizzare brevemente i primi 10.

Dando un primo sguardo alla classifica possiamo notare come tengano ben strette le loro posizioni linguaggi come Java, ancora al primo posto, C, sempre stabile al secondo e C++ anche questo sempre stabile al terzo posto, Python e C# stabili rispettivamente al quarto e quinto posto, esattamente dove li avevamo lasciati alla fine dello scorso dicembre.

Risalgono Visual Basic .NET, al quinto posto, e PHP, al sesto, mentre Javascript, che avevamo lasciato in sesta posizione scende di una posizione. Da quanto possiamo vedere, acquista maggior interesse Delphi, che avevamo lasciato al sedicesimo posto e che rientra in Top 10 conquistando la nona posizione seguito da Ruby che fa il suo ingresso in classifica conquistando la decima posizione.

Infine osserviamo come sia crollato ulteriormente l’interesse sia per Swift che per Objective-C che li fa scivolare rispettivamente al 16° (Swift era a quota 11) e al 20° posto (Objective-C si trovava a quota 12).

E ora, come sempre, andiamo ad analizzare nello specifico i linguaggi in Top 10:

Java:

Cos’è: Java è un linguaggio di programmazione il cui sviluppo comincia agli inizi degli anni ‘90. Nonostante il linguaggio sia open source, per cui chiunque può utilizzarlo liberamente, è attualmente di proprietà e gestito da Oracle Corporation. Java è stato progettato per essere un linguaggio che possa funzionare su qualsiasi dispositivo, e di conseguenza si presta allo sviluppo non solo di software per PC, ma anche di App per Smartphone, Tablet e persino TV intelligenti.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: Java è uno dei linguaggi maggiormente in-demand. Aziende di qualsiasi dimensione utilizzano applicazioni scritte in Java. Se avete un’idea per un software innovativo per il business o per App innovative per Android, Java è probabilmente la scelta migliore per svilupparlo. Molte delle applicazioni più popolari Android come Angry Birds, Temple Run e Candy Crush Saga sono state scritte in Java. Lo stesso vale per la maggior parte dei software proprietari che compagnie aeree, agenzie governative e aziende Fortune 500 utilizzano ogni giorno.

 

C:

Cos’è: Molte persone nella comunità dei programmatori considerano C il nonno di tutti i moderni linguaggi di programmazione. Questo fondamentalmente per due motivi:

1) Il linguaggio C è stato sviluppato nel 1970, quando ancora alcuni computer erano le dimensioni intere stanze.

2) Molti linguaggi moderni come Java, C++ e Python sono stati direttamente influenzati da C.

Nonostante la sua età C resta però ancora molto utilizzato, e probabilmente rimarrà tale per molti anni a venire, anche perché C implementa una procedura che mira ad utilizzare meno memoria possibile.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: la maggior parte dei buoni programmatori conoscono più di un linguaggio. Se avete intenzione di impararne più di uno C potrebbe essere una buona scelta. Alcuni corsi di sviluppo C hanno un metodo di insegnamento che può apparire ostico per alcuni, tuttavia, questo non dovrebbe essere preso come deterrente perché, dopo che avrete appreso C, imparare linguaggi più moderni come Objective-C, C++, PHP e molti altri vi risulterà molto più facile.

Come probabilmente avrete capito, C è un linguaggio piuttosto potente e, proprio grazie alla sua potenza, risulta essere il linguaggio perfetto quando è necessario avere un controllo assoluto sul software. Questo è il motivo per cui è la spina dorsale di molti dei sistemi operativi più diffusi oggi, quali Windows, OSX e Linux. Quasi tutti i dispositivi informatici sono scritti interamente o in parte in C. Microonde, calcolatori elettronici, banche dati, controlli di navette spaziali, hanno probabilmente una componete C.

 

C++:

Cos’è: A tutti gli effetti C++ è C con più funzioni. Mentre entrambe queste tecnologie sono considerate lingue di uso generale, C è di solito utilizzato per il software ” close to the machine” come i sistemi operativi, mentre C++ è di solito utilizzato per le applicazioni di alto livello come software di contabilità o come motore per videogiochi.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: C++ è spesso la prima scelta per sviluppare grandi progetti software come browser web, driver grafici per computer e algoritmi di negoziazione finanziaria. Questo linguaggio sfrutta la metodologia della Programmazione Orientata a Oggetti (OOP) che C non supporta facilmente. Per questo motivo C++ risulta essere più appropriato per svolgere quelle attività dove C risulterebbe eccessivamente difficile o troppo dispendioso da utilizzare in termini di tempistica.

I motori di molti degli più popolari videogames, come Call of Duty, Halo, e Fifa sono stati scritti in C++. Anche i grandi studi di animazione come Pixar, Disney e DreamWorks usano C++ per lo sviluppo di funzioni particolari dei loro software di animazione. Grazie alla sua robustezza e alla sua velocità, C++ è usato anche per scrivere algoritmi di negoziazione ad alta frequenza che consentono alle imprese di Wall Street di scambiare migliaia di azioni in frazioni di secondo.

 

Python:

Cos’è: Python è un linguaggio general purpose che vede la sua origine nel 1991. Questo linguaggio è stato progettato per essere altamente leggibile, il che lo rende molto facile per i principianti. E’ un linguaggio dall’alto potenziale attraverso il quale si può spaziare dalla creazione di software scientifico, allo sviluppo web fino al rendering 3D.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: A differenza dei linguaggi di livello più basso come C o Java, Python può essere appreso ad un ritmo relativamente veloce. Questo rende Python un linguaggio estremamente friendly per i neofiti alla programmazione.

Applicazioni come Instagram, Dropbox, YouTube e Reddit sono tutti esempi di ciò che si potrebbe essere in grado di realizzare con una buona conoscenza di Python.

 

C#:

Cos’è: C# è un linguaggio di programmazione sviluppato fin dai primi anni del 2000. Facente parte della famiglia .NET, agli inizi fu destinato ad essere unicamente utilizzato per lo sviluppo di prodotti Microsoft. Oggi C# viene utilizzato per sviluppare non solo applicazioni Windows standard, ma anche web applications lato server o come motore nello sviluppo di videogiochi.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: Se siete interessati a sviluppare applicazioni specifiche per Windows o allo sviluppo di web applications che verranno eseguite su server Windows, C# è una buona scelta. Anche se attualmente non è così popolare come PHP o Java, la sua popolarità è in continuo aumento.

C# è stato progettato da Microsoft per venire eseguito senza problemi sui loro server, web applications come Bing e MSN sono costruiti con codice C# così come lo sono la maggior parte delle applicazioni sviluppate per Windows Phone.

Visual Basic.Net:

Cos’è: Visual Basic .NET (VB.NET) è un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti multi-paradigma,implementato su Framework .NET. Microsoft ha lanciato VB.NET nel 2002 come successore del noto Visual Basic. Insieme con C#, è uno dei due principali linguaggi rivolti al framework .NET.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: Visual Basic presenta un’alta facilità d’uso, non utilizza la formalità di punteggiatura tipica di quasi tutti gli altri linguaggi e il suo ambiente di lavoro RAD permette di realizzare in breve tempo interfacce GUI anche complesse; inoltre è pratico nella creazione di accessi alle basi dati e nella creazione di controlli ActiveX.

Oltre tre milioni di programmatori utilizzano Visual Basic, e molti di loro lo hanno imparato come primo linguaggio.

 

PHP:

Cos’è: PHP è un altro discendente di C poiché è stato sviluppato utilizzando il linguaggio C e come conseguenza ne ha ereditato alcune potenzialità. PHP è stato progettato per rendere possibile la creazione di web applications come Facebook.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: Se avete un’idea per un nuovo sito web, un linguaggio come PHP risulta molto pratico. PHP è il linguaggio ideale per le persone che vogliono andare da nessuna esperienza allo sviluppo di applicazioni web in un breve lasso di tempo. PHP è utilizzato su oltre duecento milioni di siti web il che dimostra come sia veramente popolare questo linguaggio. Viene anche utilizzato su alcuni dei siti più visitati al mondo come Yahoo o da CMS come WordPress e Magento.

 

Javascript:

Cos’è: Coloro che si avvicinano per la prima volta alla programmazione spesso non sanno che c’è una differenza tra Java e JavaScript. Questo linguaggio era originariamente chiamato ECMAScript, tuttavia a causa della popolarità di Java, i creatori cambiarono il nome per attirare più persone. A parte il nome, questi linguaggi hanno ben poco in comune.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: Se siete interessati a diventare front-end web design dovreste imparare JavaScript, perché viene utilizzato per aggiungere interattività alle pagine web. Prive del suo utilizzo, le pagine possono risultare piuttosto blande, mentre l’utilizzo di JavaScript sui siti consente la creazione di animazioni e un migliore controllo dell’interfaccia web. Anche se viene utilizzato principalmente per lo sviluppo front-end, framework come Node.js permettono ai programmatori di scrivere anche software di back-end. JavaScript è utilizzato dall’88% di tutti i siti web. Se consideriamo la vastità del web, vi potete renderete conto che 88% è un’altissima percentuale. Effetti speciali al passaggio del mouse, menu a discesa, e altre animazioni nella pagina sono alcuni esempi dell’utilizzo di JavaScript.

 

Delphi/Object Pascal:

Cos’è: Delphi è un linguaggio di programmazione orientamento agli oggetti, originariamente sviluppato da Borland come strumento di sviluppo rapido di applicazioni per Windows come il successore di Turbo Pascal, è attualmente sviluppato da Embarcadero Technologies; utilizzando Delphi è possibile sviluppare codice nativo per le piattaforme Windows, Os X, Android, creando dal software locale, alle web applications, alle App per device mobile, grazie anche all’utilizzo del SDK Embarcadero.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: Delphi vanta una comunità di sviluppatori sempre molto aggiornata e di grande aiuto anche per i neofiti. Sviluppare in Delphi, significa compilare in un singolo eseguibile, autonomo da librerie esterne, semplificando la distribuzione e riducendo i problemi come le diverse versioni delle DLL. La VCL e i componenti di altri produttori sono solitamente disponibili con il codice sorgente
Il compilatore, potente, veloce e ottimizzante, permette la compilazione in codice nativo per diverse piattaforme dallo stesso codice sorgente, grazie anche al supporto per le più moderne tecnologie e standard, che recentemente comprendono anche gli ambienti iOS e Android.
Ambiente RAD (Rapid Application Development) è tra i più intuitivi, veloci e comodi da usare.

 

Ruby:

rubyCos’è: La prima versione di Ruby risale al 1993 ad opera del suo creatore, l’informatico giapponese Yukihiro Matsumoto che ha fatto di Ruby in primo linguaggio di programmazione sviluppato in Oriente.

Grazie all’utilizzo di framework innovativi come Ruby on Rails, il linguaggio ha avuto ampia diffusione a livello mondiale, divenendo uno dei maggiori linguaggi sfruttato specialmente per lo sviluppo di applicazioni web di particolare rilievo.

Buone ragioni per impararlo e utilizzarlo: Ruby è stato descritto come un linguaggio di programmazione multi-paradigma: consente la programmazione procedurale, l’orientamento dell’oggetto o la programmazione funzionale. Supporta l’introspezione, la riflessione e la metaprogrammazione, oltre al supporto per i thread basati su interpreti. Ruby offre una digitazione dinamica e supporta il polimorfismo parametrico.

Analizzando la sintassi di Ruby, essa è sostanzialmente simile a quella di Perl e Python. Le definizioni di classi e metodi sono identificate da keywords, mentre il codice può essere definito da parentesi. Al contrario di Perl, le variabili non sono obbligatoriamente precedute da sigil. Se usato, il sigil cambia la semantica dello scope della variabile. Per scopi pratici non c’è distinzione tra espressioni e statements. Le interruzioni di riga sono significative e le attività come la fine di una dichiarazione; un punto e virgola può essere utilizzato in modo equivalente. A differenza di Python, l’indentazione non è significativa.

 

E con questo la nostra esposizione si chiude, ci aggiorniamo nel 2018 con le novità sull’indice Tiobe.