Le Migliori Certificazioni per Help Desk su cui investire

Le Migliori Certificazioni per Help Desk su cui investire

Supporto tecnico e help desk sono, per molti giovani, punti di accesso al lavoro nel mondo dell’IT.

Molti giovani entrano in questo mondo senza sapere che il possesso della giusta certificazione può aiutarli, non solo a convalidare le proprie conoscenze e competenze, ma anche a ricevere maggiori benefici, in termini economici, rispetto a chi ne sia sprovvisto.

Le posizioni di help desk possono essere impiegate per soddisfare i requisiti di supporto per specifici prodotti, piattaforme e strumenti di uno specifico fornitore. Altre posizioni possono essere aperte a chiunque abbia una buona preparazione tecnica generale e una comprensione delle operazioni, delle pratiche e delle procedure IT.

Conoscere quali sono le certificazioni che i datori di lavoro cercano nei loro dipendenti può essere di grande aiuto nello scegliere su quale di queste credenziali concentrare i propri sforzi al fine di conseguirla.

Cominciamo quindi il nostro tour nelle certificazione Help Desk.

CompTIA A+

In breve:
Certificazione: CompTIA A+
Prerequisiti e corsi obbligatori: Tra 6 e 12 mesi di esperienza pregressa.
Numero di esami:  Due esami ciascuno da 90 domande a risposta multipla da svolgere in 90 minuti:

  • 220-901 minimo punteggio richiesto 675 su 900
  • 220-902 minimo punteggio richiesto 700 su 900
Costo per esame: € 185,00 per esame (il voucher ha validità 12 mesi)
Sito web: http://certification.comptia.org/getCertified/certifications/a.aspx
Materiale didattico: CompTIA offre una serie di materiali per il self-study, tra cui simulazioni d’esame, domande esemplificative, guide di studio, nonché corsi di formazione sia in aula che in e-learning. I link ai corretti materiali di formazione CompTIA possono essere trovati sulla pagina web della certificazione.

Possiamo considerare la CompTIA A+ come la madre di tutte le certificazioni relative all’hardware. Fin dalla sua comparsa nei primi anni ’90, è diventata una delle più conosciute e apprezzate certificazioni, conforme agli standard ISO 17024 ha ottenuto l’accreditamento dall’American National Standards Institute (ANSI) nel 2008 e ad oggi vanta più di 1.000.000 di professionisti certificati in tutto il mondo, e la possiamo trovare come richiesta in un gran numero di annunci di lavoro.

Per capire l’importanza di tale certificazione, basta pensare che grandi aziende del settore IT come Canon, Dell, HP e Intel rendono obbligatoria la certificazione CompTIA A+ per i propri tecnici.

La certificazione CompTIA A+ contempla un’ampia copertura dell’hardware e del software del PC, della rete e della sicurezza; per poterla conseguire bisogna sostenere due esami:

L’esame 220-901 è basato sui concetti fondamentali dell’hardware, la creazione di reti e la risoluzione dei problemi

L’esame 220-902 è un esame applicativo pratico e si basa sulla conoscenza della configurazione di sistemi operativi comuni (Windows, Linux, OS X, Android e iOS), nonché problemi relativi al cloud computing.

I candidati che sostengono gli esami di certificazione CompTIA A+ si troveranno davanti un test composto da diversi tipologie di domande, tra cui domande a scelta multipla e drag & drop. Una volta ottenuta la certificazione, questa ha una validità di tre anni, allo scadere dei quali la certificazione deve essere rinnovata, sostenendo nuovi esami.

I candidati che guadagnano la CompTIA A+ possono trovare lavoro che includono ruoli come specialista di supporto tecnico, responsabile all’assistenza tecnica, amministratore del supporto IT o specialista del supporto IT. Altri programmi di certificazione, come quelle di Cisco, inglobano all’interno del loro programma di formazione la formazione relativa alla A+.

 

ACMT: Apple Certified Mac Technician

In breve:
Certificazione: ACMT 2017 (MAC-17A)
Prerequisiti e corsi obbligatori: è necessario superare l’esame Nozioni fondamentali sull’assistenza Apple prima di sostenere l’esame di certificazione per l’assistenza Mac.
Numero di esami: Un esame che comprende:

  • Numero di sezioni: 2 (Risoluzione dei problemi da 37 domande e Riparazione della famiglia Mac 33 domande)
  • Numero di obiettivi di apprendimento: 28
  • Numero totale di quesiti: 70
  • Punteggio minimo: 80% complessivo (almeno 56 risposte esatte su 70)
  • Durata dell’esame: 2 ore

L’esame inizia con sette domande demografiche. Tali domande non prevedono un punteggio e il tempo per fornire le risposte è escluso dalle 2 ore previste per l’esame.

Costo per esame: € 20,00 circa. Esame amministrato da PearsonVUE
Sito web: https://support.apple.com/it-it/HT207709
Materiale didattico: Trattandosi di un test con libera consultazione delle risorse, chi lo sostiene è invitato a utilizzare i riferimenti Apple e i corsi in ATLAS per rispondere alle domande.

Data la popolarità dei prodotti Apple e delle piattaforme al giorno d’oggi, e l’utilizzo di computer Mac in case e aziende di tutte le scale, c’è anche la richiesta di tecnici esperti di Mac per supportare questi sistemi.

La credenziale di ACMT (Apple Certified Macintosh Technician) offre un gateway in una serie di certificazioni relative a hardware Apple. Apple utilizza questo curriculum internamente per formare i propri tecnici di supporto interno e i dipendenti di Apple Store nonché i propri partner autorizzati e riparatori. Il curriculum ACMT cerca di verificare la capacità dei candidati di condurre indagini e riparazioni di base su una vasta gamma di piattaforme Apple, inclusi sistemi desktop e portatili, quali iMac, MacBook Pro e MacBook Air.

I due esami richiesti si concentrano sull’identificazione e sulla riparazione di problemi comuni di OS X e sull’utilizzo di una serie di prodotti e pratiche di assistenza e supporto Apple per la diagnosi e la riparazione dell’hardware Apple. La certificazione ACMT verifica le competenze e le conoscenze che possono essere rilevanti per alcuni datori di lavoro, ad esempio i rivenditori di Apple o le attività autoportanti quali sistemi scolastici, università o università.

L’ACMT è una credenziale permanente e non richiede una ricertificazione annuale. Tuttavia, poiché i nuovi prodotti vengono aggiunti al portafoglio di Apple, i tecnici possono essere tenuti ad ottenere una formazione speciale e passare esami sui prodotti che richiedono una gestione speciale. Per questi prodotti, l’assegnazione degli esami associati sarebbe necessaria per ottenere parti di servizio. Gli esami specifici del prodotto assicurano che i tecnici Apple mantengano l’alta qualità per cui sono conosciuti.

Gli individui che vogliono diventare certificati per risolvere e riparare i computer Mac devono passare un diverso set di esami. Visita la pagina ACMT 2016 per tutti i dettagli.

 

HDI-CSR Facts & Figures

In breve:
Certificazione: HDI – Customer Service Representative (HDI-CSR)
Prerequisiti e corsi obbligatori: Corsi consigliati:

  • Corso virtuale e pubblico: $ 795,00 (€ 670,00 circa) per i membri, $ 895,00 (€ 750,00 circa) per i non membri
  • Corso online: $ 345 (€ 290,00 circa) per i membri, $ 395 (€ 340,00 circa) per i non membri
Numero di esami: Un esame composta da 65 domande, 75 minuti di tempo, 80% di risposte giuste
Costo per esame: $ 145,00 (€ 130,00 circa) l’esame deve essere sostenuto entro 12 settimane dall’acquisto
Sito web: https://www.thinkhdi.com/education/courses/hdi-customer-service-representative.aspx#CertificationExam
Materiale didattico: Sulla pagina della certificazione sono disponibili per l’acquisto i materiali di studio e un esame di pratica

HDI, una società UBM Tech, è un’organizzazione che si identifica come “la prima associazione professionale creata per l’industria del supporto tecnico” e “una comunità costruita da colleghi e leader del settore che ti fornisce le risorse, le conoscenze e la guida per essere bravo in ciò che fai.”

Con oltre 150.000 membri è molto probabilmente la più grande organizzazione di certificazione specializzata nell’help desk e nell’assistenza tecnica.

Progettato per i professionisti IT impiegati in call center o centri di supporto, l’HDI-CSR si rivolge a coloro che forniscono supporto agli utenti finali e che hanno una varietà di soft skills che facilitano le comunicazioni. Chi ottiene tale certificazione possiede le competenze tecniche necessarie per valutare le esigenze di ogni singolo cliente e, di conseguenza, la capacità di risolverne rapidamente i problemi. Le HDI-CSR impiegano efficaci capacità di comunicazione e ascolto e gestiscono le interazioni con i clienti.

HDI raccomanda vivamente di seguire i corsi prima di affrontare l’esame di certificazione, il corso di formazione è diviso in quattro unità che coprono:

  • ruolo del professionista IT nel centro di supporto,
  • capacità di comunicazione,
  • capacità di problem solving,
  • massimizzazione dell’efficacia.

Per ottenere l’HDI-CSR, i candidati devono superare un esame, che si concentra su:

  • leadership (10%),
  • politica e strategia (10%),
  • gestione delle persone (10%),
  • risorse (10%),
  • processi e procedure (55%)
  • risultati delle prestazioni (5 percento).

Il Centro di apprendimento HDI amministra direttamente l’esame online, che deve essere completato entro 12 settimane dall’acquisto.

 

ITIL Foundation

In breve:
Certificazione: ITIL Foundation Certification – IT Service Management (ITIL Foundation)
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessuno. Sono consigliati corsi di formazione che potete trovare qui
Numero di esami: Un esame: 40 domande a scelta multipla, 60 minuti, 65% di risposte corrette
Costo per esame: € 328,00 Amministrato da PEOPLECERT
Sito web: https://www.axelos.com/certifications/itil-certifications/itil-foundation-level
Materiale didattico: Sulla pagina relativa alla certificazione è possibile acquistare una guida di studio o cercare un trainer autorizzato Axelos

AXELOS è una joint venture creata nel 2013 dall’Ufficio del Gabinetto a nome del governo di Sua Maestà (HMG) nel Regno Unito e Capita plc, per gestire, sviluppare e far crescere il portafoglio Global Best Practice. AXELOS vanta un track record già invidiabile e un portafoglio ineguagliato di qualifiche riconosciute a livello mondiale.

AXELOS è responsabile dello sviluppo, del miglioramento e della promozione di una serie di metodologie di best practice utilizzate a livello globale da professionisti che lavorano principalmente nella gestione di progetti, programmi e portfolio, gestione dei servizi IT e resilienza informatica.

Information Technology Infrastructure Library (ITIL), è un framework accettato dal settore per la gestione dell’erogazione dei servizi IT.

ITIL definisce un modello di ciclo di vita del servizio per i processi e le attività che si svolgono durante la progettazione, lo sviluppo, la consegna e il supporto dei servizi IT; è la certificazione entry-level nello schema ITIL, che comprende anche le certificazioni a livello:

  • Practitioner,
  • Intermediate,
  • Expert
  • Master.

Grazie a questo certificazione, il candidato comprende i concetti chiave, la terminologia, i ruoli e i processi chiave coinvolti nel ciclo di vita del servizio ITIL.

Sebbene il programma di formazione ed esame ITIL Foundation includa in particolare un componente di desk assistenza, l’intera certificazione ITIL Foundation si presta al settore dell’help desk.

I candidati possono seguire un corso di formazione di tre giorni tramite un’organizzazione di formazione accreditata (ATO) o un formatore accreditato, quindi sostenere l’esame alla fine del corso o studiare autonomamente per l’esame e portarlo presso un ITIL Examination Institute.

 

MCSA: Windows 10 Microsoft Certified Solutions Associate

In breve:
Certificazione: MCSA: Windows 10
Prerequisiti e corsi obbligatori: Possesso di competenze IT fondamentali
Numero di esami: Due esami.

  • Esame 70-698 – Installazione e configurazione di Windows 10
  • Esame 70-697 – Configuring Windows Devices
Costo per esame: € 165,00 ad esame
Sito web: https://www.microsoft.com/it-it/learning/mcsa-windows-10-certifications.aspx
Materiale didattico: Sulla pagina di ogni singolo esame è possibile trovare link a corsi di formazione, test di valutazione, community, manuali.

Windows 10 è l’ultimo sistema operativo client di Microsoft, motivo per cui abbiamo scelto di presentare MCSA: Windows 10 nel nostro elenco perché siamo convinti che siano necessari guru del sistema operativo di Redmond per aiutare i clienti a risolvere i loro problemi.

Nonostante tale certificazione copra argomenti avanzati di gestione e distribuzione, che spesso il personale help desk non gestisce, l’abbiamo voluta includere qui perché Windows è il sistema operativo desktop più utilizzato negli affari e la maggior parte dei professionisti dell’help desk deve lavorare con Windows ogni giorno.

Per coloro che desiderano passare dall’help desk alle posizioni IT troveranno che l’MCSA dà loro un vantaggio nel fare questa transizione. I risultati della ricerca informale di job board continuano a supportare una crescente domanda di professionisti con competenze di Windows 10, facendo guadagnare alla MCSA: Windows 10 un posto di rilievo.

I candidati devono superare due esami per ottenere l’MCSA: certificazione Windows 10.

  • Esame 70-698 – Installazione e configurazione di Windows 10
    Questo esame è rivolto ai professionisti IT che desiderano convalidare le proprie competenze e conoscenze sull’installazione e la configurazione di Windows. Tratta dell’installazione locale, della configurazione dei servizi locali principali e della gestione e manutenzione locale generale di Windows 10.
  • Esame 70-697 – Configuring Windows Devices
    Questo esame convalida le conoscenze e le abilità fondamentali di un candidato per la creazione di identità solide, protezione del contenuto (protezione dalla perdita di dati), politica di gestione dei dispositivi mobili, virtualizzazione con Hyper-V, gestione delle applicazioni tramite il Portale aziendale e Windows Store. I candidati saranno valutati sulla sicurezza di Windows 10 e sulle funzionalità Azure integrate.

MCSA: Windows 10 è una certificazione a sé stante, ma il conseguirla può servire anche come prerequisito per le certificazioni MCSE (Microsoft Certified Solutions Expert) che sono tra le più popolari e ricercate al mondo – da privati e datori di lavoro – guadagnano l’MCSA: Windows 10 può diventare un trampolino di lancio per un ottimo stipendio e un sano mercato del lavoro.

Oltre alle certificazioni menzionate in questo articolo, esistono altre certificazioni relative al settore help desk che non abbiamo inserito solamente perché rispetto alle presentate la quantità di richieste risultava di gran lunga inferiore rispetto a quelle descritte.

Ci riserviamo di aggiornarvi nel caso in cui la richiesta di tali certificazioni dovesse aumentare.

Grazie e alla prossima.

Le Migliori Certificazioni Data Center su cui investire

Le Migliori Certificazioni Data Center su cui investire

Generalmente le competenze legate al mondo dei Data Center richiedono la conoscenza delle tecnologie di virtualizzazione, conoscenza del cloud, conoscenze di supporto dati all’interno del cloud, gestione delle informazioni contenute all’interno di un Data Center e capacità di rendere queste informazioni disponibili in maniera sicura.

In questo nostro articolo, esploreremo quali siamo le certificazioni legate ai Data Center citate maggiormente nelle richieste di lavoro in questo 2018 e che, sicuramente, manterranno il loro una posizione di predominio anche per il 2019.

Non potevano mancare in questo nostro articolo, le certificazioni di Cisco, presente con ben due certificazioni, seguite da VMware, e Juniper Networks. I professionisti che sono seriamente intenzionati a migliorare la loro posizione lavorativa all’interno di un Data Center potrebbero trovare utile il conseguimento di una di queste certificazioni e, addirittura, a conseguire certificazioni complementari magari relative allo storage, la progettazione, realizzazione e gestione di reti o legate allo unified computing.

Senza dilungarci oltre, cominciamo la nostra esposizione.

 

CCNA Data Center: Cisco Certified Network Associate Data Center

In breve:
Certificazione: Cisco Certified Network Associate (CCNA) Data Center
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessuno prerequisito.
Corsi consigliati:

  • Introducing Cisco Data Center Networking (DCICN)
  • Introducing Cisco Data Center Technologies (DCICT)

Cisco offre corsi in aula, che durano cinque giorni e costano circa $ 4.500,00 (€ 3.800,00 circa)

Numero di esami: Due esami:

  • 200-150 DCICN – Introducing Cisco Data Center Networking
  • 200-155 DCICT – Introducing Cisco Data Center Technologies

Entrambe gli esami durano 90 minuti e sono composti da 55 o 65 domande

Costo per esame: € 274,00 ad esame. Amministrati da PearsonVUE
Sito web: https://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/associate/ccna-data-center.html
Materiale didattico: La pagina di certificazione fornisce collegamenti a materiali di autoapprendimento, inclusi il programma, i gruppi di studio, i video, le guide di studio, le risorse della rete di apprendimento, i contenuti dei partner di apprendimento e altro ancora.

Quelle di Cisco continuano ad essere tra le certificazioni IT maggiormente riconosciute e apprezzate nel settore. La certificazione CCNA Data Center è un’ottima certificazione introduttiva per i professionisti del networking che desiderano specializzarsi nella gestione e nel supporto dei Data Center e che già possiedono un’esperienza compresa da uno a tre anni.

Chi si candida per ottenere tale certificazione deve comprendere i concetti base di networking dei Data Center, inclusi schemi di indirizzamento, risoluzione dei problemi e configurazione degli switch con VLAN e router utilizzando Nexus-OS, virtualizzazione di rete e server, storage e servizi di rete.

Una volta ottenuta, la certificazione ha una validità di tre anni, trascorsi i quali, per poterla mantenere attiva, bisogna ricertificarsi o partecipando ad un colloquio con il Cisco Certified Architect (CCAr) o tramite il superamento di uno dei seguenti esami:

  • Esame a livello ASSOCIATE ad eccezione dell’esame ICND1,
  • Esame di livello PROFESSIONAL 642-XXX o 300-XXX,
  • Esame 642-XXX Cisco Specialist,
  • Esame scritto Cisco Certified Internetwork Expert (CCIE),
  • Esame scritto Cisco Certified Design Expert (CCDE) o esame CCDE in vigore.

 

CCNP Data Center: Cisco Certified Network Professional Data Center

In breve:
Certificazione: CCNP Data Center: Cisco Certified Network Professional Data Center
Prerequisiti e corsi obbligatori: Certificazione Cisco Certified Network Associate Data Center (CCNA Data Center) o certificazione Cisco Certified Internetwork Expert (CCIE)
Consigliato ma non richiesto la frequentazione di un corso Cisco; le lezioni durano in genere da quattro a cinque giorni e i costi partono da $ 3.950,00 (€ 3.350,00 circa)
Numero di esami: Quattro esami:

  • 300-175 DCUCI – Implementing Cisco Data Center Unified Computing
  • 300-165 DCII – Implementing Cisco Data Center Infrastructure
  • 300-170 DCVAI – Implementing Cisco Data Center Virtualization and Automation

E a scelta:

  • 300-160 DCID – Designing Cisco Data Center Infrastructure
    Oppure
  • 300-180 DCIT – Troubleshooting Cisco Data Center Infrastructure

Tutti gli esami durano 90 minuti e sono composti da 60 o 70 domande

Costo per esame: € 274,00 a esame. Amministrati da PearsonVUE
Sito web: http://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/professional/ccnp-data-center.html
Materiale didattico: La pagina di certificazione fornisce collegamenti a materiali di autoapprendimento, inclusi il programma, i gruppi di studio, i video, le guide di studio, le risorse della rete di apprendimento, i contenuti dei partner di apprendimento e altro ancora.

I professionisti già attivi nella gestione di reti che desiderano convalidare le proprie conoscenze anche nei Data Center ottenendo di conseguenza vantaggi professionali sul posto di lavoro, sicuramente non sbaglieranno nel conseguire la Cisco Certified Network Professional Data Center.

La CCNP Data Center identifica i professionisti in grado di implementare server con montaggio in rack Cisco Unified Computing System (UCS); installare, configurare e gestire switch Cisco Nexus, implementare l’automazione di Cisco Application Centric Infrastructure (ACI).

Anche la Cisco Certified Network Professional Data Center ha validità tre anni, trascorsi i quali il titolare deve ricertificarsi. In questo caso, il processo di certificazione richiede al candidato il superamento di un singolo esame o di sostenere un colloquio con il Cisco Certified Architect (CCAr).

Prima di tentare il processo di ricertificazione, è consigliabile consultare il sito web di Cisco per visionare l’elenco aggiornato e completo degli esami di riqualifica validi.

 

JNCIP-DC: Juniper Networks Certified Professional Data Center

In breve:
Certificazione: JNCIP-DC: Juniper Networks Certified Professional Data Center
Prerequisiti e corsi obbligatori: Richiesto: certificazione Juniper Networks Certified Specialist Enterprise Routing and Switching (JNCIS-ENT)

Corso consigliato:

  • Advanced Data Center Switching (ADCX)

Juniper offre corsi di formazione in aula, virtuali e online. Il corso di formazione ADCX ha una durata di cinque giorni e costa da $ 2.500 a $ 4.750 (da € 2.200,00 a € 4.000,00 circa). I prezzi variano a seconda del fornitore del corso e della posizione.

Numero di esami: Un esame: JN0-680 (65 domande a scelta multipla della durata di 120 minuti)
Costo per esame: $ 400,00 (circa € 350,00). Amministrati da PearsonVUE
Sito web: https://www.juniper.net/us/en/training/certification/certification-tracks/data-center-track?tab=jncip-dc
Materiale didattico: La pagina dell’esame elenca varie risorse di preparazione all’esame. I candidati possono consultare il set completo di pubblicazioni tecniche di Junos OS 15.1 e la libreria di garanzia Juniper Networks Day One. Juniper consiglia di leggere RFC 7348, RFC 4760 e RFC 7432, oltre a questi white paper: migliorare l’interconnessione del data center, i servizi L2 con gli EVPN di Juniper ei materiali IP Clos con gli switch QFX5100. Sono inoltre disponibili diversi libri O’Reilly incentrati sui prodotti Junos e Juniper Networks.

La californiana Juniper Networks sviluppa e vende apparecchiature per l’infrastruttura di rete e software destinati a scoietà, provider di rete, enti governativi, istituti scolastici e altro.

Juniper Network dispone di un ampio programma di certificazione e formazione studiato per supportare le sue diverse soluzioni che includono Data Center, Security, Routing e Switching.

La Juniper Networks Certified Professional Data Center certifica i professionisti della rete che distribuiscono, gestiscono e risolvono problemi relativi al software Juniper Networks Junos e alle apparecchiature dei Data Center.

Il singolo esame da sostenere copre l’implementazione e la gestione del Data Center, comprendendo la gestione del LAG (multi-chassis link aggregation group), dello chassis virtuale, delle reti IP e delle interconnessioni dei Data Center.

La Juniper Networks Certified Professional Data Center ha un validità di tre anni trascorsi i quali il candidato dovrà ricertificarsi sostenendo l’esame per la versione corrente della stessa certificazione.

 

VCP6-DCV: VMware Certified Professional 6 – Data Center Virtualization

In breve:
Certificazione: VCP6-DCV: VMware Certified Professional 6 – Data Center Virtualization
Prerequisiti e corsi obbligatori: 1. Candidati che sono nuovi alla tecnologia VMware Data Center Virtualization: sei mesi di esperienza vSphere 6 più uno dei seguenti corsi di formazione:

  • VMware vSphere: Install, Configure, Manage [V6 or V6.5]
  • VMware vSphere: Optimize and Scale [V6 or V6.5]
  • VMware vSphere: Install, Configure, Manage plus Virtual SAN Fast Track [V6]
  • VMware vSphere: Optimize & Scale [V6 or V6.5]
  • VMware vSphere: Bootcamp [V6]
  • VMware vSphere: Fast Track [V6 or V6.5]
  • VMware vSphere: Design and Deploy Fast Track [V6]
  • VMware vSphere: Troubleshooting [V6]
  • VMware vSphere: Troubleshooting Workshop [V6.5]
  • VMware vSphere: Install, Configure and Manage plus Optimize and Scale Fast Track [V6 or V6.5]
  • VMware vSphere: Optimize and Scale plus Troubleshooting Fast Track [V6]

2. Candidati con formazione vSphere 5.x che non sono certificati VCP:

  • vSphere What’s New [V5.5 to V6, or V5.5 to V6.5]

3. Candidati esistenti:

  • Certificazione VCP5-DCV valida: nessun prerequisito
  • VCP valido per qualsiasi traccia di soluzione che non è scaduta: nessun prerequisito
  • VCP scaduto per qualsiasi traccia di soluzione: Completa uno dei corsi di formazione richiesti (vedi sopra)
  • Certificazione VCP5-DCV scaduta: Novità (da V5.5 a V6 o da V5.5 a V6.5) o qualsiasi altro corso di qualificazione.

Nota: il costo della formazione VMware varia da $ 4.125,00 (circa € 3.500,00) per la formazione in classe a più di $ 6.000,00 (circa € 5.100,00) per Bootcamp e corsi Fast Track.

Numero di esami: I nuovi candidati, quelli con formazione vSphere 5, quelli con un VCP scaduto in una traccia diversa o quelli con una certificazione VCP5-DCV scaduta (due esami):

A scelta:

  • vSphere 6 Foundations Exam, 2V0-620, 115 minuti, 65 domande
  • vSphere 6.5 Foundations, 2V0-602, 105 minuti, 70 domande

E:

  • VMware Certified Professional 6 – Data Center Virtualization, 2V0-621, 120 minuti, 85 domande

I candidati con certificazione VCP5-DCV valida: un esame:

  • VMware Certified Professional 6 – Data Center Virtualization Delta, 2V0-621D, 105 minuti, 65 domande

I candidati con certificazione VCP valida, qualsiasi traccia soluzione: un esame,

  • VMware Certified Professional 6 – Data Center

Esami amministrati da Pearson VUE.

Costo per esame: vSphere Foundations exam (V6 or V6.5), $125,00 (circa € 130,00)

VMware Certified Professional 6- Data Center Virtualization exam, $250,00 (circa € 230,00)

VMware Certified Professional 6 – Data Center Virtualization Delta exam, $250 (circa € 230,00)

Sito web: VCP6-DCV: https://www.vmware.com/education-services/certification/vcp6-dcv.html
VCP6.5-DCV: https://www.vmware.com/education-services/certification/vcp6-5-dcv.html
Materiale didattico: I link a una guida d’esame, un esame di formazione e un esame di pratica (se disponibile) vengono visualizzati in ciascuna pagina di esame (consultare la scheda “How to Prepare”). VMware Learning Zone offre abbonamenti per la preparazione agli esami.

La VCP6-DCV: VMware Certified Professional 6 – Data Center Virtualization è una delle certificazioni che si colloca tra il tradizionale Data Center e la gestione del cloud, oltre 100.000 professionisti in tutto il mondo la hanno conseguita, rendendola una delle certificazioni più popolari della società.

I candidati che desiderano conseguire la VCP6-DCV: VMware Certified Professional 6 – Data Center Virtualization, devono comprendere a fondo le tecniche di DNS (Domain Name System), routing e connettività del database, sapere implementare, configurare, gestire e scalare gli ambienti e lo storage VMware vSphere. La società, inoltre, consiglia di avere un bagaglio di esperienza di almeno sei mesi con VMware vSphere.

I nuovi candidati devono prendere parte ad un corso di formazione VMware e superare due esami. Il costo dei corsi parte da $ 4.125,00 (circa € 3.500,00) a seconda del corso selezionato e del partner di formazione selezionato.

Trascorsi due anni, i titoli di certificazioni VMware sono chiamati a ricertificarsi; la ricertificazione si ottiene superando la versione più aggiornata dell’esame relativo alla certificazione, oppure ottenendo una nuova certificazione VCP in una diversa categoria, oppure certificandosi in un livello superiore.

 

Anche per questa volta è tutto. alla prossima con le Migliori certificazioni per il Web.

Le Migliori Certificazioni Cloud su cui investire

Le Migliori Certificazioni Cloud su cui investire

Amazon, Microsoft, Cisco, VMware, sono solo alcuni degli importanti nomi del settore che forniscono soluzioni cloud.

Negli ultimi anni il cloud ha visto un incremento esponenziale che ha portato ad una richiesta sempre maggiore di professionisti IT che possiedano solide competenze nell’ambito del cloud computing. Per questo sono nate, e continuano a nascere, certificazioni legate al cloud atte a dimostrare le effettive capacità dei professionisti.

Ma come scegliere la giusta certificazione?

Con un’analisi condotta su alcuni famosi portali per la ricerca di lavoro, abbiamo potuto evidenziare quali certificazioni siamo maggiormente ricercate dalle aziende che assumono mettendo in risalto, in questo articolo, solamente quelle che ricorrono maggiormente nei vari annunci.

Per coloro che vogliono certificare, quindi, le loro conoscenze nel cloud al fine di rafforzare il proprio curriculum, speriamo che questa nostra guida possa essere di aiuto nella scelta della certificazione da conseguire.

 

AWS Certified Cloud Practitioner

In breve:
Certificazione: AWS Certified Cloud Practitioner
Prerequisiti e corsi obbligatori: Sei mesi di esperienza con il cloud AWS.

Corsi raccomandati:

  • AWS Cloud Practitioner Essentials
  • AWS Technical Essentials
  • AWS Business Essentials
Numero di esami: Un esame CLF-C01, composto da domande a scelta multipla e a risposta multipla, 90 minuti di tempo, punteggio minimo richiesto il 70% di risposte giuste
Costo per esame: $ 100,00 (circa € 85,00)
Sito web: https://aws.amazon.com/it/certification/certified-cloud-practitioner/
Materiale didattico: Materiale e corsi sono disponibili sulla pagine ufficiale della certificazione.

La certificazione AWS Certified Cloud Practitioner è destinata a quei professionisti che hanno le conoscenze e le competenze necessarie per dimostrare in modo efficace una comprensione complessiva del cloud AWS, indipendentemente da specifici ruoli tecnici affrontati da altre certificazioni AWS.

Convalida la capacità di un candidato di:

  • Definire cos’è il cloud AWS e l’infrastruttura globale di base
  • Descrivere i principi base dell’architettura AWS Cloud
  • Descrivere la proposta di valore di AWS Cloud
  • Descrivere i servizi chiave sulla piattaforma AWS e i loro casi d’uso comuni (ad esempio, calcoli e analisi)
  • Descrivere gli aspetti fondamentali di sicurezza e conformità della piattaforma AWS e il modello di sicurezza condiviso
  • Definire la fatturazione, la gestione dell’account e i modelli di prezzo
  • Identificare le fonti di documentazione o assistenza tecnica (ad esempio, white paper o ticket di supporto)
  • Descrivere le caratteristiche di base / core della distribuzione e del funzionamento nel cloud AWS.

Si consiglia ai candidati di avere almeno sei mesi di esperienza con il Cloud AWS in qualsiasi ruolo, compresi quelli tecnici, manageriali, di vendita, di acquisto o finanziari.

Ci sono due tipi di domande sull’esame:

  • Scelta multipla: ha una risposta corretta e tre risposte errate.
  • Risposta multipla: ha due risposte corrette tra cinque opzioni.

Questa di Amazon è la certificazione con la maggior inerenza rispetto al cloud. Esistono comunque molte altre certificazioni legate ad AWS come: AWS Certified Solutions Architect – Associate, AWS Certified Solutions Architect – Professional, AWS Certified Developer – Associate e altre ancora che prenderemo in esame in maniera più approfondita nei prossimi giorni.

 

MCSE: Cloud Platform and Infrastructure

In breve:
Certificazione: MCSE: Cloud Platform and Infrastructure
Prerequisiti e corsi obbligatori: Possesso di una tra questa certificazioni MCSA:

  • MCSA: Windows Server 2016
  • MCSA: Cloud Platform
  • MCSA: Linux on Azure
  • MCSA: Windows Server 2012
Numero di esami: Un esame a scelta tra i seguenti:

  • Esame 70-532 – Sviluppare Soluzioni Microsoft Azure
  • Esame 70-533 – Implementare Soluzioni di Infrastrutture Microsoft Azure
  • Esame 70-535 – Sviluppo di soluzioni Microsoft Azure
  • Esame 70-473 – Ideare e Implementare Soluzioni di Piattaforma Cloud Data
  • Esame 70-475 – Progettare e Implementare Soluzioni Big Data Analytics
  • Esame 70-744 – Protezione di Windows Server 2016
  • Esame 70-745 – Implementazione di un datacenter definito da software
  • Esame 70-413 – Progettazione e implementazione di un’infrastruttura server
  • Esame 70-414 – Implementazione di un’infrastruttura server avanzata
  • Esame 70-537 – Configurare e operare un cloud ibrido con Microsoft Azure Stack
  • Esame 70-538 – Implementare soluzioni Microsoft Azure DevOps
  • Esame 70-539 – Gestione Linux Workloads su Azure
Costo per esame: € 165,00 a esame
Sito web: https://www.microsoft.com/it-it/learning/mcse-cloud-platform-infrastructure.aspx
Materiale didattico: Sulla pagina di ogni singolo esame è possibile reperire informazioni relative a corsi on-line, in aula, testi, test pratici.

Non poteva assolutamente mancare nelle certificazioni cloud più richieste, la MCSE: Cloud Platform and Infrastructure di Microsoft.

Questa certificazione sostituisce la MCSE: Private Cloud, ritirata da Microsoft il 31 marzo 2017 e attesta che ogni candidato ha le competenze necessarie per gestire un data center moderno e altamente efficiente con esperienza in tecnologie cloud, gestione delle identità, gestione dei sistemi, virtualizzazione, archiviazione e rete.

Per poter accedere a questa certificazione è necessario possedere una certificazione MCSA tra:

  • MCSA: Windows Server 2016: richiede il superamento di 3 esami;
  • MCSA: Cloud Platform: richiede il superamento di 2 esami a scelta tra 5 disponibili;
  • MCSA: Linux on Azure: richiede il superamento di 2 esami di cui uno è il Linux Foundation Certified System Administrator (LFCS), della Linux Foundation;
  • MCSA: Windows Server 2012: richiede il superamento di 3 esami.

Una volta ottenuta la certificazione è possibile sostenere uno degli esami relativi alla MCSE e, superato, ottenere la MCSE: Cloud Platform and Infrastructure che, come per altre certificazioni Microsoft, ha validità un anno, dopodiché sarà necessario sostenere un esame di ricertificazione che potrebbe essere lo stesso scelto precedentemente o un’altro tra quelli in elenco.

Dato che sempre più tecnologie Microsoft vengono fornite tramite cloud, potrebbe essere una buona scelta quella di ottenere questa certificazione per dare maggiore risalto al proprio curriculum.

 

Cisco – CCNA Cloud

In breve:
Certificazione: CCNA Cloud
Prerequisiti e corsi obbligatori: Non esistono prerequisiti.

Corsi consigliati ma non obbligatori.

Numero di esami: Due esami:

  • Esame 210-451 CLDFND
  • Esame 210-455 CLDADM

Che comprendo tra le 55 e le 65 domande, 90 minuti di tempo a disposizione per superare il test.

Costo per esame: € 274,00 ad esame – erogati da Pearson VUE
Sito web: https://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/associate/ccna-cloud.html
Materiale didattico: Sulla pagina ufficiale della certificazione è possibile trovare link ai materiali per il self-study, link ai corsi, partners certificati per la formazione.

Anche Cisco offre le sue certificazioni relative al cloud. Diciamo le “sue” perchè in questo nostro articolo abbiamo inserito entrambe le certificazioni.

La prima che prendiamo in esame è la CCNA – Cloud (Cisco Certified Network Associate – Cloud).

La certificazione CCNA Cloud è un programma di certificazione e formazione incentrato sul ruolo lavorativo, che aiuta gli ingegneri del cloud, i cloud administrator e i tecnici di rete a sviluppare, far progredire e convalidare il proprio set di competenze cloud e consente loro di aiutare la propria organizzazione IT a soddisfare le mutevoli esigenze aziendali dalla tecnologia transizioni.

Con il conseguimento della certificazione CCNA Cloud, si otterranno le competenze necessarie per eseguire il provisioning di livello base e il supporto delle soluzioni cloud di Cisco.

Per poter ottenere tale certificazione bisogna sostenere due esami, di massimo 65 domande:

  • L’esame 210-451 CLDFND – Understanding Cisco Cloud Fundamentals (Caratteristiche e modelli del cloud, Distribuzione del cloud, Conoscenza di base del cloud computing, Conoscenza di base del Cloud Networking, Conoscenza di base dello storage cloud);
  • L’esame 210-455 CLDADM – Introducing Cisco Cloud Administration (Amministrazione e reporting dell’infrastruttura cloud, Rapporti di addebito e fatturazione, Provisioning cloud, Gestione e monitoraggio dei sistemi cloud, Cloud Remediation)

Le certificazioni associate CCNA sono valide per tre anni. Per ricertificarsi, bisogna superare uno dei seguenti esami prima della data di scadenza della certificazione:

  • Superare qualsiasi esame di livello Associate corrente tranne per l’esame ICND1
  • Supera qualsiasi esame di livello Professional della serie 642-XXX o della serie 300-XXX
  • Superare l’esame scritto CCDE corrente o l’esame pratico CCDE corrente,
  • Superare l’intervista con Cisco Certified Architect (CCAr) e la revisione del CCAr.

Cisco – CCNP Cloud

In breve:
Certificazione: CCNP Cloud
Prerequisiti e corsi obbligatori: Possesso della certificazione CCNA Cloud ancora valida o una qualsiasi certificazione CCIE.

Corsi consigliati ma non obbligatori.

Numero di esami: Quattro esami:

  • 300-460 CLDINF – Implementing and Troubleshooting the Cisco Cloud Infrastructure
  • 300-465 CLDDES – Designing the Cisco Cloud
  • 300-470 CLDAUT – Automating the Cisco Enterprise Cloud
  • 300-475 CLDACI – Building the Cisco Cloud with Application Centric Infrastructure

Tra le 55 e le 65 domande, 90 minuti di tempo per completare l’esame.

Costo per esame: € 274,00 ad esame – erogati da Pearson VUE
Sito web: https://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/professional/ccnp-cloud.html
Materiale didattico: Sulla pagina ufficiale della certificazione è possibile trovare link ai materiali per il self-study, link ai corsi, partners certificati per la formazione.

La seconda certificazione di Cisco che abbiamo preso in considerazione è la CCNP Cloud (Cisco Certified Network Professinal – Cloud).

Questa certificazione è basata sul laboratorio; è rivolta agli ingegneri del cloud, ai cloud administrator, ai progettisti di cloud e agli architetti che lavorano nei data center. Offre le conoscenze e le competenze necessarie per progettare, fornire, automatizzare e gestire le distribuzioni Cloud e Infrastructure-as-a-Service.

Per poter ottenere tale certificazione bisogna sostenere quattro esami, di massimo 65 domande:

  • L’esame 300-460 CLDINF – Implementing and Troubleshooting the Cisco Cloud Infrastructure (configurazione dell’infrastruttura cloud, compresi i data center fisici e virtuali; implementare l’infrastruttura di storage e la connettività, implementare l’infrastruttura di rete e la connettività, implementare Compute, risoluzione dei problemi relativi a flussi di lavoro o applicazioni cloud, identificare i domini operativi dell’infrastruttura);
  • L’esame 300-465 CLDDES – Designing the Cisco Cloud (tradurre i requisiti in progetti di processi cloud/automazione, progettare infrastrutture Private Cloud, progettare infrastrutture Cloud pubbliche, progettare politiche di sicurezza cloud, design Virtualizzazione e servizi di rete virtuale);
  • L’esame 300-470 CLDAUT – Automating the Cisco Enterprise Cloud (Questo esame verifica la conoscenza e la capacità di un candidato di fornire IaaS privati; provision Private IaaS con Catalog Scaling; fornitura Private IaaS con Network Automation; fornitura IaaS ibrida; ed eseguire Application Provisioning e Life Cycle Management);
  • L’esame 300-475 CLDACI – Building the Cisco Cloud with Application Centric Infrastructure (Questo esame verifica le conoscenze e le competenze di un candidato in ACI Architecture, Fabric and Physical Topology; ACI Design and Configuration; Automazione APIC utilizzando l’API Northbound; Integrazione ACI; e ACI GDay 2 Operations).

Le certificazioni Cisco Professional sono valide per tre anni.

Per ricertificarsi, bisogna superare uno dei seguenti esami prima della data di scadenza della certificazione:

  • Superare qualsiasi esame di livello Professional della serie 642-XXX o della serie 300-XXX,
  • Superare qualsiasi esame scritto CCIE in vigore,
  • Superare l’esame scritto CCDE o l’esame pratico CCDE in vigore,
  • Superare l’intervista con Cisco Certified Architect (CCAr) e la revisione del CCAr per estendere le certificazioni inferiori.

 

VMware Certified Professional 7 – Cloud Management and Automation

In breve:
Certificazione: VMware Certified Professional 7 – Cloud Management and Automation (VCP7-CMA)
Prerequisiti e corsi obbligatori:
  • Esperienza di almeno 6 mesi con vSphere 6 e vRealize.
  • Partecipare a uno dei corsi di formazione richiesti.
  • Completare l’esame vSphere 6 Foundations o vSphere 6.5 Foundations Exam.

Corsi raccomandati:

  • VMware vRealize Automation: Install, Configure, Manage [7.0]
  • VMware Cloud Automation: Design and Deploy [V7.1]
Numero di esami: Un esame da 85 domande a scelta singola e multipla, della durata di 110 minuti. Punteggio minimo richiesto 300 su 500.
Costo per esame: $ 250,00 (circa € 210,00) erogato da Pearson VUE.
Sito web: https://mylearn.vmware.com/mgrReg/plan.cfm?plan=98713&ui=www_cert
Materiale didattico: Sulla pagina ufficiale della certificazione sono presenti link ai materiali di studio, corsi con istruttore, risorse e-learning.

VMware, Inc. è una consociata di Dell Technologies e fornisce software e servizi di cloud computing e di virtualizzazione della piattaforma. È stata la prima azienda di successo commerciale a virtualizzare l’architettura x86. Il software desktop di VMware funziona su Microsoft Windows, Linux e macOS, mentre il suo hypervisor per server aziendali, VMware ESXi, è un hypervisor bare metal che viene eseguito direttamente sull’hardware del server senza richiedere un ulteriore sistema operativo sottostante.

La certificazione VCP7-CMA convalida la capacità di installare, configurare e amministrare un ambiente VMware vRealize, utilizzato per automatizzare i processi chiave all’interno del Data Center in modo ripetibile e scalabile che porta ad una efficienza e una produttività migliorata. Queste competenze consentono di semplificare e standardizzare le attività quotidiane più complesse, aumentando la vostra credibilità e il valore all’interno dell’organizzazione.

Gli argomenti su cui verte l’esame sono suddivisi in 6 sezioni e consistono in:

  • Sezione 1: Creare e modificare i progetti di vRealize Automation
  • Sezione 2: Configura e gestisci titolari e gruppi aziendali
  • Sezione 3: installazione e configurazione di vRealize Automation e relativi componenti
  • Sezione 4: Configura e gestisci il catalogo di vRealize Automation
  • Sezione 5: Configura e amministra gruppi ed endpoint
  • Sezione 6: Estendere l’implementazione di vRealize Automation

Sul sito, oltre ai corsi raccomandati, si possono trovare anche utili test pratici e la guida completa (in inglese) con il dettaglio degli argomenti d’esame.

Con VMware si chiude la nostra prima visita nel mondo delle certificazioni cloud. Sperando di esservi stati utili, vi aspettiamo alle prossime Top Certificazioni.

Le Migliori Certificazioni sul Networking su cui investire

Le Migliori Certificazioni sul Networking su cui investire

Nel mercato del lavoro di oggi, professionisti IT che siano esperti in varie aree del Networking sono sempre molto richiesti. Coloro che sono seriamente interessati alle loro carriere dovrebbero considerare di ottenere una o più di queste certificazioni per distinguersi dalla concorrenza.

Per quanto riguarda la cura e l’alimentazione delle reti moderne, c’è un vasto elenco di strumenti e tecnologie che i professionisti IT qualificati dovrebbero saper padroneggiare, specialmente quelli che aspirano a lavorare come amministratori di rete.

Oltre ai server e ai client che costituiscono gli endpoint in tali ambienti, c’è anche molta infrastruttura di rete di cui ci si deve preoccupare, tra cui switch e router (sia fisici che virtuali), oltre a una serie di appliance e servizi, come UTM (Unified Threat Management), firewall di prossima generazione (NGF), ottimizzazione WAN, filtri e-mail e spam dei contenuti.

Possedere la completa padronanza di tutte queste opzioni e specialità di certificazione può essere una sfida, ma sapere da dove cominciare può aiutare. Abbiamo esaminato cinque certificazioni di rete che consideriamo leader nel settore del networking per il 2018.

Per scegliere le nostre certificazioni leader, abbiamo esaminato lo stato delle richieste di lavoro su diversi portali sia in Italia che in Europa.

Quindi cominciamo la nostra esposizione.

 

CCIE: Cisco Certified Internetwork Expert

In breve:
Certificazione: Cisco Certified Internetwork Expert (CCIE)
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessun prerequisito necessario. Cisco consiglia otto anni di esperienza lavorativa nel settore.
Numero di esami: Ogni certificazione CCIE richiede di superare sia un esame scritto che uno di laboratorio. I punteggi degli esami scritti sono validi per 18 mesi. Gli esami di laboratorio devono essere tentati entro 18 mesi dalla prova scritta.

I candidati CCIE non possono programmare un esame di laboratorio fino a quando non superano l’esame scritto. I candidati devono ripetere l’esame scritto se non superano l’esame di laboratorio entro tre anni.

Tutti gli esami scritti sono composti da 90 a 110 domande, 120 minuti di tempo per completarlo.

CCIE Collaboration:

  • CCIE Collaboration Written Exam: 400-051
  • CCIE Collaboration Lab Exam

CCIE Data Center:

  • CCIE Data Center Written Exam: 400-151
  • CCIE Data Center Lab Exam

CCIE Routing and Switching:

  • CCIE Routing and Switching Written Exam: 400-101
  • CCIE Routing and Switching Lab Exam

CCIE Security:

  • CCIE Security Written Exam: 400-251
  • CCIE Security Lab Exam

CCIE Service Provider:

  • CCIE SP Written Exam: 400-201
  • CCIE SP Lab Exam

CCIE Wireless:

  • CCIE Wireless Written Exam: 400-351
  • CCIE Wireless Lab Exam
Costo per esame:
  • Esame scritto: € 411,00#
  • Esame di laboratorio: € 1.462,00#
Sito web: https://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/expert.html
Materiale didattico: Diverse sono le opzioni di apprendimento CCIE e includono documenti di studio, letture consigliate, esempi di test, opportunità di formazione, comunità online e gruppi di studio, tutti disponibili tramite Cisco Learning Network.

Una certificazione sul networking che possiede un alto valore a livello lavorativo e che è sempre attuale e la Cisco Certified Internetwork Expert (CCIE), che viene erogata con diversi percorsi di studio tra cui scegliere. Il numero di certificazioni CCIE erogate annualmente rimane abbastanza contenuto da far sì che chi riesca a conseguire questa difficile certificazione, possa venire scelto direttamente da Cisco per lavorare in una delle sue sedi.

Sebbene la strada per ottenere la CCIE sia lunga e difficile, ne vale veramente la pena, tempo e denaro. Questa è una certificazione che sicuramente vi aprirà le porte di molte opportunità di lavoro e soprattutto di alti salari.

 

CCNP: Cisco Certified Network Professional

In breve:
Certificazione: Certificazioni Cisco Certified Network Professional (CCNP):

  • CCNP: Cloud
  • CCNP: Collaboration
  • CCNP: Data Center
  • CCNP: Routing and Switching
  • CCNP: Security
  • CCNP: Service Provider
  • CCNP: Wireless
Prerequisiti e corsi obbligatori: È richiesta una certificazione CCNA o CCIE valida.
Numero di esami: La certificazione CCNP primaria (Routing e Switching) richiede il superamento di questi tre esami:

  • 300-101 ROUTE: Implementing Cisco IP Routing (45-65 domande, 120 minuti)
  • 300-115 SWITCH: Implementing Cisco IP Switched Networks (30-40 domande, 120 minuti)
  • 300-135 TSHOOT: Troubleshooting and Maintaining Cisco IP Networks (15-25 domande, 120 minuti)

Altre certificazioni CCNP richiedono il superamento di quattro o cinque esami a seconda del percorso scelto.

Costo per esame:  € 274,00# per esame
Sito web: https://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/professional.html
Materiale didattico: La formazione consigliata è elencata online per ogni percorso di certificazione CCNP. I materiali di autoapprendimento includono libri, flash crds, prove pratiche, laboratori virtuali e fisici.

La Cisco Certified Network Professional (CCNP) punta a preparare i candidati sulle piattaforme e sui prodotti Cisco, che ricordiamo essere leader nella produzione e fornitura di apparecchiature di rete utilizzati dalla maggior parte dei provider di comunicazione e servizi internet, da aziende di tutte le dimensioni, nonché da enti governativi, istituti di ricerca fino ad arrivare al mondo accademico.

Per cui scegliere di acquisire una certificazione Cisco al giorno d’oggi è da considerarsi un’ottima scelta.

La CCNP è la principale certificazione di fascia media e offre un’ampia varietà di specializzazioni:

  • CCNP: Cloud,
  • CCNP: Collaboration,
  • CCNP: Data Center,
  • CCNP: Routing e Switching (il più diffuso),
  • CCNP: Security,
  • CCNP: Service Provider e Wireless.

Il possesso di una della certificazione Cisco Certified Network Associate (CCNA) è un prerequisito obbligatorio per poter ottenere una certificazione CCNP. Con le competenze acquisite con tale certificazione il passo successivo potrebbe essere il conseguimento di una o più certificazioni Cisco Specialist o addirittura il conseguimento di una Cisco Certified Internetwork Expert (CCIE).

 

JNCIE-ENT: Juniper Networks Certified Enterprise Routing and Switching

In breve:
Certificazione: Enterprise Routing and Switching, Expert (JNCIE-ENT)
Prerequisiti e corsi obbligatori: Possesso della certificazione Juniper Networks Certified Professional Enterprise Routing and Switching (JNCIP-ENT)
Numero di esami: Un esame: JPR-943 (esame di laboratorio pratico, durata 8 ore)
Costo per esame: € 1.400,00# circa
Sito web: http://www.juniper.net/us/en/training/certification/certification-tracks/ent-routing-switching-track/#jncieent
Materiale didattico: I materiali per lo studio individuale includono la Documentazione di Junos e la documentazione di Junos per gli switch della serie EX. Il Bootcamp Enterprise JNCIE è un corso opzionale di cinque giorni.

Juniper Networks progetta e vende router, firewall e tutti i tipi di soluzioni di rete destinate agli ambienti dei data center. Il suo noto sistema operativo di rete per routing, switching e sicurezza si chiama Junos OS e occupa un posto di rilievo nei dispositivi e nelle apparecchiature Juniper. In quanto tale, la società è uno dei principali concorrenti di Cisco.

Juniper ha istituito il programma di certificazione Juniper Networks (JNCP) diversi anni fa per garantire la formazione di professionisti in grado di supportare le proprie soluzioni hardware e software.

Il programma di certificazione è incentrato sulla conoscenza di Junos ed è suddiviso in quattro livelli:

  • Associate
  • Specialist
  • Professional
  • Expert

E su quattro percorsi:

  • Data Center
  • Routing e switching dei provider di servizi
  • Routing e Switching aziendali
  • Junos Security.

Abbiamo selezionato la certificazione Enterprise Routing e Switching-Expert (JNCIE-ENT) in quanto è una certificazione di livello superiore e per via del prestigio che gode nel settore e per il fatto che i salari offerti ai suoi possessori sono parecchio invitanti.

Questa credenziale richiede ai candidati di ottenere prima la certificazione Professional e quindi di superare un esame pratico di otto ore. Una volta ottenuto, la certificazione è valida per tre anni.

 

CompTIA Network+

In breve:
Certificazione: CompTIA Network+
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessun prerequisito.
Numero di esami: Un esame: N10-006 (massimo 90 domande, 90 minuti di tempo)
Costo per esame: € 274,00#
Sito web: https://certification.comptia.org/certifications/network
Materiale didattico: Gli obiettivi degli esami e le domande di esempio possono essere scaricati dalla pagina relativa alla certificazione cliccando il link riportato sopra.

Sul CompTIA Marketplace sono disponibili le guide di studio, l’elenco dei corsi di formazione in classe ed in modalità e-learning.

Gli esami di pratica e corsi di autoapprendimento sono disponibili su certification.comptia.org.

Non ci sono molte certificazioni IT entry-level relative al networking in circolazione, e questo probabilmente perché la certificazione Network+ di CompTIA possiamo dire che la fa da padrona per questa particolare nicchia di mercato. Molti esperti IT e di certificazioni ritengono che Network+ sia un importante elemento che dovrebbe essere presente nel portfolio di ogni professionista IT e che dia una spinta in più nei processi di selezione del personale.

Quindi se siete appena agli inizi, questa è la certificazione per voi.

CompTIA Network+ è una certificazione completamente indipendente dal fornitore hardware e un ottimo trampolino di lancio per il conseguimento di tutta una serie di certificazioni più avanzate. Tanto è vero che alcuni programmi di certificazione specifici dei vari vendor la includono addirittura come prerequisito.

 

WCNA: Wireshark Certified Network Analyst

In breve:
Certificazione: Wireshark Certified Network Analyst (WCNA)
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessun prerequisito.
Numero di esami: Un esame: WCNA-102.x Exam (100 domande, 2 ore di tempo)
Costo per esame: € 290,00# circa
Sito web: http://www.wiresharktraining.com/certification.html
Materiale didattico: Formazione online su autoapprendimento, formazione con istruttore, formazione personalizzata e libri di preparazione esami disponibili presso il sito della Wireshark University.

Fondata nel 2007 dai grandi geek della rete Gerald Combs e Laura Chappell, la Wireshark University offre solo una certificazione unica, che vale la pena di prendere in considerazione. La Wireshark Certified Network Analyst (WCNA) riconosce la conoscenza dello sniffing e dell’analisi della rete utilizzando il software Wireshark, nonché le comunicazioni di rete TCP / IP, la risoluzione dei problemi di rete e la sicurezza della rete. Per ottenere queste credenziali, i candidati devono superare un esame a scelta multipla certificato DoD 8570.

La WCNA è valida per tre anni, ma i titolari di certificazione devono ottenere un totale di 20 crediti di formazione professionale continua (CPE) ogni anno per mantenere la propria certificazione in regola. Questi crediti CPE devono concentrarsi su attività legate agli obiettivi dell’esame WCNA (sniffing, analisi, ecc.) e non essere direttamente collegati alle mansioni lavorative. Ad esempio, frequentando una conferenza Sharkfest o Black Hat o leggendo la Guida allo studio dell’analisi della rete di Wireshark.

Oltre a gestire il programma WCNA, la Wireshark University offre opzioni di formazione personalizzate, guidate da istruttori e personalizzate per chiunque voglia conoscere Wiresharki. Offrono inoltre un All Access Pass, un abbonamento di un anno a tutti i corsi di formazione della Wireshark University e costa all’incirca € 700,00#.

Le Migliori Certificazioni Tecnico Hardware su cui investire

Le Migliori Certificazioni Tecnico Hardware su cui investire

Quello dell’hardware è un universo vasto dove esistono molte certificazioni che si potrebbero prendere in considerazione, e magari in futuro lo faremo, ma per ora ci limiteremo ad esporre quali sono attualmente le certificazioni hardware maggiormente richieste da chi offre lavoro, e per questo abbiamo focalizzato la nostra attenzione sulle certificazioni di CompTIA, Apple e Cisco.

Diventare tecnico informatico può essere un ottimo punto di partenza per chi vuole entrare nel settore IT e le certificazioni relative all’hardware vi consentiranno di dimostrare le vostre conoscenze e competenze nel mantenimento di computer, server, dispositivi mobili, stampanti e altro ancora.

In ultimo, prima di procedere nella nostra esposizione, sappiate inoltre che con il possesso delle giuste certificazioni un tecnico hardware, in Europa, può aspettarsi compensi medi che oscillano tra € 51.000,00/circa (CompTIA) e € 60.000,00/circa (ACMT).

 

CompTIA A+

In breve:
Certificazione: CompTIA A+
Prerequisiti e corsi obbligatori: Tra 6 e 12 mesi di esperienza pregressa.
Numero di esami: Due esami ciascuno da 90 domande a risposta multipla da svolgere in 90 minuti:

  • 220-901 minimo punteggio richiesto 675 su 900
  • 220-902 minimo punteggio richiesto 700 su 900
Costo per esame: € 185,00 per esame (il voucher ha validità 12 mesi)
Sito web: http://certification.comptia.org/getCertified/certifications/a.aspx
Materiale didattico: CompTIA offre una serie di materiali per il self-study, tra cui simulazioni d’esame, domande esemplificative, guide di studio, nonché corsi di formazione sia in aula che in e-learning. I link ai corretti materiali di formazione CompTIA possono essere trovati sulla pagina web della certificazione.

Possiamo considerare la CompTIA A+ come la madre di tutte le certificazioni relative all’hardware. Fin dalla sua comparsa nei primi anni ’90, è diventata una delle più conosciute e apprezzate certificazioni, conforme agli standard ISO 17024 ha ottenuto l’accreditamento dall’American National Standards Institute (ANSI) nel 2008 e ad oggi vanta più di 1.000.000 di professionisti certificati in tutto il mondo, e la possiamo trovare come richiesta in un gran numero di annunci di lavoro.

Per capire l’importanza di tale certificazione, basta pensare che grandi aziende del settore IT come Canon, Dell, HP e Intel rendono obbligatoria la certificazione CompTIA A+ per i propri tecnici.

La certificazione CompTIA A+ contempla un’ampia copertura dell’hardware e del software del PC, della rete e della sicurezza; per poterla conseguire bisogna sostenere due esami:

L’esame 220-901 è basato sui concetti fondamentali dell’hardware, la creazione di reti e la risoluzione dei problemi

L’esame 220-902 è un esame applicativo pratico e si basa sulla conoscenza della configurazione di sistemi operativi comuni (Windows, Linux, OS X, Android e iOS), nonché problemi relativi al cloud computing.

I candidati che sostengono gli esami di certificazione CompTIA A+ si troveranno davanti un test composto da diversi tipologie di domande, tra cui domande a scelta multipla e drag & drop. Una volta ottenuta la certificazione, questa ha una validità di tre anni, allo scadere dei quali la certificazione deve essere rinnovata, sostenendo nuovi esami.

I candidati che guadagnano la CompTIA A+ possono trovare lavoro che includono ruoli come specialista di supporto tecnico, responsabile all’assistenza tecnica, amministratore del supporto IT o specialista del supporto IT. Altri programmi di certificazione, come quelle di Cisco, inglobano all’interno del loro programma di formazione la formazione relativa alla A+.

 

CompTIA Server+

In breve:
Certificazione: CompTIA Server+
Prerequisiti e corsi obbligatori: Nessun prerequisito
L’esperienza consigliata include il possesso della certificazione CompTIA A+ oltre a un minimo di 18-24 mesi di esperienza nel settore IT.
Numero di esami: Un esame: SK0-004 (100 domande a risposta multipla, 90 minuti di tempo, punteggio minimo richiesto di 750 su 900)
Costo per esame: € 266,00 il voucher è acquistabile sullo store di CompTIA, mentre l’esame è erogato da Pearson VUE.
Sito web: https://certification.comptia.org/certifications/server
Materiale didattico: CompTIA offre una serie di materiali per il self-study, tra cui simulazioni d’esame, domande esemplificative, guide di studio, nonché corsi di formazione sia in aula che in e-learning. I link ai corretti materiali di formazione CompTIA possono essere trovati sulla pagina web della certificazione.

Oltre alla certificazione A+, CompTIA offre anche una certificazione relativa al lato server, che prende in esame argomenti relativi all’hardware, il software e il networking dalla base alle funzionalità più impegnative, potenti e costose associate ai sistemi server.

La certificazione di CompTIA Server+,che richiede il superamento di un esame per il conseguimento, va oltre agli argomenti di base per includere la copertura di sistemi di storage più avanzati, ambienti IT, ripristino di emergenza e continuità aziendale. Inoltre pone particolare rilievo sulle migliori pratiche e procedure per la diagnosi dei problemi dei server e la risoluzione dei problemi. Nonostante il fatto che la CompTIA Server+ non si basi su prodotti specifici, società come HP, Intel, Microsoft e Lenovo richiedono o raccomandano ai propri tecnici di entrare in possesso di tale certificazione.

Chiunque fosse interessato a lavorare in server farm, in data center o comunque a lavorare regolarmente con i server, scopriranno che vale veramente la pena di conseguire la certificazione CompTIA Server+

Si noti che l’esame CompTIA Server+ è ancora elencato sul sito web dell’organizzazione come “good for life” ossia “buono per la vita”, il che significa che non impone requisiti di rinnovo o istruzione continua ai possessori.

ACMT: Apple Certified Mac Technician

In breve:
Certificazione: ACMT 2017 (MAC-17A)
Prerequisiti e corsi obbligatori: è necessario superare l’esame Nozioni fondamentali sull’assistenza Apple prima di sostenere l’esame di certificazione per l’assistenza Mac.
Numero di esami: Un esame che comprende:

  • Numero di sezioni: 2 (Risoluzione dei problemi da 37 domande e Riparazione della famiglia Mac 33 domande)
  • Numero di obiettivi di apprendimento: 28
  • Numero totale di quesiti: 70
  • Punteggio minimo: 80% complessivo (almeno 56 risposte esatte su 70)
  • Durata dell’esame: 2 ore

L’esame inizia con sette domande demografiche. Tali domande non prevedono un punteggio e il tempo per fornire le risposte è escluso dalle 2 ore previste per l’esame.

Costo per esame: € 20,00 circa.  Esame amministrato da PearsonVUE
Sito web: https://support.apple.com/it-it/HT207709
Materiale didattico: Trattandosi di un test con libera consultazione delle risorse, chi lo sostiene è invitato a utilizzare i riferimenti Apple e i corsi in ATLAS per rispondere alle domande.

Data la popolarità dei prodotti Apple e delle piattaforme al giorno d’oggi, e l’utilizzo di computer Mac in case e aziende di tutte le scale, c’è anche la richiesta di tecnici esperti di Mac per supportare questi sistemi.

La credenziale di ACMT (Apple Certified Macintosh Technician) offre un gateway in una serie di certificazioni relative a hardware Apple. Apple utilizza questo curriculum internamente per formare i propri tecnici di supporto interno e i dipendenti di Apple Store nonché i propri partner autorizzati e riparatori. Il curriculum ACMT cerca di verificare la capacità dei candidati di condurre indagini e riparazioni di base su una vasta gamma di piattaforme Apple, inclusi sistemi desktop e portatili, quali iMac, MacBook Pro e MacBook Air.

I due esami richiesti si concentrano sull’identificazione e sulla riparazione di problemi comuni di OS X e sull’utilizzo di una serie di prodotti e pratiche di assistenza e supporto Apple per la diagnosi e la riparazione dell’hardware Apple. La certificazione ACMT verifica le competenze e le conoscenze che possono essere rilevanti per alcuni datori di lavoro, ad esempio i rivenditori di Apple o le attività autoportanti quali sistemi scolastici, università o università.

L’ACMT è una credenziale permanente e non richiede una ricertificazione annuale. Tuttavia, poiché i nuovi prodotti vengono aggiunti al portafoglio di Apple, i tecnici possono essere tenuti ad ottenere una formazione speciale e passare esami sui prodotti che richiedono una gestione speciale. Per questi prodotti, l’assegnazione degli esami associati sarebbe necessaria per ottenere parti di servizio. Gli esami specifici del prodotto assicurano che i tecnici Apple mantengano l’alta qualità per cui sono conosciuti.

Gli individui che vogliono diventare certificati per risolvere e riparare i computer Mac devono passare un diverso set di esami. Visita la pagina ACMT 2016 per tutti i dettagli.

 

CTT Routing & Switching: Cisco Certified Technician Routing & Switching

In breve:
Certificazione: 640-692 RSTECH
Prerequisiti e corsi obbligatori: Supporting Cisco Routing and Switching Network Devices
Numero di esami: Un esame da 90 minuti (tra 60 e 70 domande) erogato da Pearson VUE
Costo per esame: € 114,00
Sito web: https://www.cisco.com/c/en/us/training-events/training-certifications/certifications/entry/technician-cct/routing-switching.html
Materiale didattico: Sulla pagina ufficiale della certificazione sono presenti materiali per il self-study, elenco dei partners di formazione raccomandati da Cisco, training video e molto altro ancora.

Le certificazioni di Cisco sono valutate in tutto il settore tecnologico. Il Cisco Certified Technician o la certificazione CCT è una certificazione di livello iniziale che dimostra la capacità di una persona di supportare e mantenere efficienti i dispositivi di rete Cisco.

Esistono tre diverse certificazioni:

  • CCT: Routing & Switching,
  • Data Center,
  • TelePresense.

La credenziale Routing & Switching si adatta meglio alla nostra lista delle migliori certificazioni hardware e serve come base fondamentale per supportare i dispositivi e i sistemi Cisco in generale.

Il CCT richiede il superamento di un solo esame. Gli argomenti comprendono l’identificazione dell’apparecchiatura Cisco e degli hardware correlati, quali switch e router, conoscenze di rete e servizi generali, collaborazione con il Cisco Technical Assistance Center (TAC) e descrizione dei modi operativi del software Cisco IOS. I candidati dovrebbero inoltre avere conoscenze di lavoro dei comandi Cisco command-line interface (CLI) per il collegamento e la remotizzazione dei prodotti Cisco.